L’Aloe Arborescens una pianta dalle mille proprietà

Aloe ArborescensDescrizione dell’Aloe Arborescens, pianta della famiglia Aloacee usata sia in balcone che in bagno. L’Aloe Arborescens è una pianta che tantissime persone hanno messo nei loro balconi o giardini, perché ha un gran bell’aspetto come pianta grassa da esposizione, e come la maggior parte delle piante della sua specie è resistente ai cambiamenti climatici di stagione, purché si resti nella zona temperata, e che la temperatura non scenda troppe volte sotto lo zero.

Nata nelle regioni desertiche dell’Africa settentrionale, è stata anche citata da Cristoforo Colombo, che la “incontrò” nei suoi resoconti dei viaggi di ritorno come pianta curativa.

Ed è proprio dei poteri curativi di questa pianta che vuole trattare quest’articolo. Un altro importante aneddoto sull’ Aloe Arborescens riguarda un altro personaggio storico di grande importanza, cioè il Mahatma Gandhi.

Il politico e filosofo indiano, famoso per il suoi digiuni e sacrifici per le sue lotte non violente, era solito nutrirsi solo di Aloe in alcuni periodi, per sopravvivere e al tempo stesso continuare la sua missione.

L’elemento che nutriva Ghandi era un succo presente della pianta, che oltre all’acqua contiene minerali, vitamine, proteine, aminoacidi, zuccheri, antrachinoni, ceneri e fibre alimentari.

Grazie a tutti questi elementi, questa pianta è diventata presto un prodotto commerciale, molto più costosi rispetto all’altra Aloe, l’Aloe Vera.

Anche perché grazie all’ Aloe Arborescens si ottengono numerosi prodotti cosmetici e di bellezza, come creme anti rughe, saponi, prodotti per la cura dell’acne, shampoo per capelli, bagnoschiuma per il corpo, dopobarba e creme idratanti.

Per chi vuole cimentarsi nella produzione del succo di Aloe Arborescens, e quindi provare ad allevare una pianta in casa, ecco alcuni pratici consigli.

Bisogna piantare il seme in terreni sciolti, sabbiosi, fortemente drenati, in modo che le radici siano costantemente e sicuramente all’asciutto. Per ottenere ciò, si deve mettere nel vaso composti di sabbia (per 3 parti) e una buona parte di terra da giardino, con il fondo del vaso costituito da cocci o ghiaia.

Durante il primo periodo di vita della pianta, si deve innaffiare abbondantemente durante i periodi vegetativi, cioè dalla primavera all’autunno, mentre è meglio non innaffiare proprio durante il periodo che va da dicembre a febbraio-marzo. Tutto ciò per evitare una partenza imprevista della vegetazione.

Rispettati questi parametri, la vostra Aloe Arborescens crescerà sana e forte, e starà a voi decidere se tenerla come pianta decorativa, o se di tanto in tanto tagliare una delle sue foglie per bere il suo famoso succo.

 

 

 

Lascia un commento