La micropigmentazione o make up permanente

La micro pigmentazione, a volte indicata come “make-up permanente” è una tecnica in cui vengono impiantati minuti granuli di pigmento, metabolicamente inerti, sotto l’epidermide, per la valorizzazione dell’estetica. Questa antica pratica di abbellimento di origini asiatiche ha guadagnato popolarità in tutto il mondo in maniera graduale e costante. Ad oggi, la micropigmentazione viene utilizzata per migliorare i tratti del viso, come le sopracciglia, le ciglia e le labbra, e per migliorare le condizioni specifiche come cicatrici e vitiligine (pigmentazione irregolare), o per ricostruire il capezzolo / areola zona del seno.

In genere, due trattamenti sono necessari per la buona riuscita dell’intervento, con standard temporale consigliato pari a 4-6 settimane l’una dall’altra. In ogni caso, la valutazione non può che esser subordinata al profilo della salute e all’età del cliente e al procedimento seguito. Alcuni aghi penetrano la pelle di pochi millimetri, al pari di un tatuaggio.

Vantaggi:

  1. Non vi sono tempi di inattività e la ripresa della maggior parte delle normali attività avviene entro sole 24 ore;
  2. Per i pigmenti sono spesso utilizzati additivi coloranti alimentari, approvati dalla FDA (così come dalla SPCP);
  3. Il processo è relativamente veloce, richiedendo da 1 a 2 ore;
  4. La pelle ritorna normale il giorno successivo. Il gonfiore o l’arrossamento è generalmente mite;
  5. Il leggero fastidio durante la procedura è evitato dall’uso di una l’anestesia topica e / o locale;
  6. Si tratta di una buona alternativa per le donne allergiche al make-up (anche se la procedura ha lo scopo di migliorare le caratteristiche e non a sostituire totalmente lo stesso)
  7. I pigmenti sono individualmente miscelati per ottenere risultati personalizzati e progettati per un aspetto naturale. I risultati possono essere visti immediatamente (anche se la “metà” finale sarà godibile solo dopo tre settimane).

Lascia un commento