Lifting della fronte

Il lifting della fronte è una procedura chirurgica che riduce i segni del tempo e dell’invecchiamento sulla fronte, parte del viso che – unitamente alle sopracciglia - spesso evidenzia i sintomi più tangibili del passare degli anni. Il rilassamento di queste strutture può causare sopracciglia cadenti, palpebre pesanti, fronte piena di solchi e di rughe. Mediante un lifting della fronte, invece, le strutture responsabili di queste linee vengono alterate per rimodellare la parte frontale, e conferire un ringiovanimento evidente all’intero volto.

Correzione ginecomastia

Il trattamento chirurgico del tessuto del seno maschile (correzione ginecomastia) è una delle operazioni più popolari in ambito cosmetico, richiesta da una vasta gamma di potenziale utenza:

mentre alcuni di coloro che domandano l’accesso a questo tipo di chirurgia sono in sovrappeso, molti non necessitano di dimagrimento, ma di un semplice rimodellamento del lato superiore del tronco. Vediamo quali sono le caratteristiche di tale trattamento e in che modo sarà poi possibile riprendere la piena attività.

Liposcultura cosce

La liposuzione è una tecnica per rimodellare il corpo in modo permanente, eliminando le adiposità localizzate.

Questa procedura è popolare sia tra gli uomini e le donne e viene prediletta nella rimozione del grasso a livello delle cosce. Di fatti, i depositi di grasso sulle cosce, sia nella parte interna che in quella esterna, risultano essere particolarmente resistenti alla dieta e all'esercizio fisico. In questi casi, la liposuzione può aiutare a tagliare l'eccesso di grasso dalle cosce e raggiungere un equilibrio più attraente e una maggiore simmetria del corpo.

Lifting: ecco quanto ci rende più giovani

Vi siete mai domandati quanto serva sottoporsi al lifting? Quali siano gli effetti ottenibili attraverso un intervento chirurgico di tale tipologia?

O, in altri termini, quali siano gli anni “in meno” dimostrabili dopo un'operazione di lifting? A dircelo sono i chirurghi plastici e gli otorini dell'Università di Toronto e dell'Università dell'Illinois, che hanno compiuto un interessante studio che può ben fornire tutte le risposte a queste e altre domande.

Meno chirurgia estetica in tv

La medicina EsteticaLa prossima stagione televisiva potrebbe essere contraddistinta da una minore presenza di programmi dedicati alla chirurgia estetica.

A sostenerlo sono alcune considerazioni a margine dei recenti interventi di Anna Maria Tarantola, nuova presidente della Rai, che ha intenzione di revisionare i contenuti del palinsesto televisivo, in particolar modo per quanto concerne l'immagine della donna, evidentemente deprezzato nel corso di un crescente sfruttamento estetico.